COMUNICATO DEL COMANDO CENTRALE DEI GRAPO

Comando Centrale dei Gruppi di Resistenza Antifascista Primo di Ottobre
15 settembre 1990

Nei giorni dal 6 al 10 settembre, nostri gruppi di combattimento hanno attaccato con cariche esplosive le sedi del Tribunale Costituzionale, la Borsa ed il Ministero di Economia e della Finanza di Madrid, le installazioni degli impianti petrolchimici di Repsol a Tarragona e la sede del PSOE di Barcellona.

Come al solito, il Governo, i partiti istituzionali ed i poveri di mente che il Ministero degli Interni ha collocato nei media della comunicazione, si sono mostrati sorpresi per questo attacco della nostra Organizzazione. "Innocentemente", essi sembrano non darsi una ragione che giustifichi tutte queste azioni.

Frattanto, la stampa e gli altri media continuano ad erigere il più assoluto muro del silenzio intorno alla lunga agonia alla quale sono sottoposti i nostri compagni prigionieri, nello sciopero della fame che essi conducono da quasi 10 mesi, costretti dalla bestiale irrazionalità del Governo di Felipe Gonzales.

Forse il Governo pensava che avremmo lasciata impunita questa azione criminale o che avremmo assistito impassibili a quanto potrà accadere, d'ora in avanti, agli scioperanti della fame.

Sia come sia, vogliamo avvertire il Governo che le ultime azioni dei nostri gruppi non sono niente di più di un avviso di ciò che la nostra Organizzazione è in grado di fare. Da questo momento, includeremo fra i nostri obiettivi militari i grandi centri economici e finanziari dell'oligarchia e dello Stato: fonti di energia, centri e mezzi di comunicazione, edifici istituzionali ecc.

E se, come goffamente sono andati facendo, continueranno ad impegnarsi per ridurre l'intensità del nostro messaggio rivoluzionario e minimizzare la nostra capacità di fuoco, non mancherà ai loro specialisti l'opportunità per diffondersi in spiegazioni sulla potenza e la qualità delle nostre armi.

Riunificazione o morte!
Abbasso lo Stato terrorista!
Resistenza Armata!
Vinceremo!